Sedilo: la festa dell'Ardia
il Santuario di San Costantinodurante la gara...

Guarda la galleria

 

La storia dell’Ardia è la storia di un Santo guerriero. Le sue origini si perdono nei secoli e nei racconti tramandati tra generazioni. A Scano Montiferro sono conservati un portamonete, una bandiera, un anello e un documento che narra di un ricco possidente caduto prigioniero dei mori.

Racconta di un sogno in cui apparve un guerriero romano, San Costantino, che promise la libertà al prigioniero in cambio di una Chiesa, da costruire sul “Monte Isei”. Ma il povero don Giommaria Ledda, caduto in disgrazia, aveva perso le sue ricchezze e non avrebbe mai potuto onorare la promessa. San Costantino lo liberò comunque e gli fece trovare un portamonete che si riempiva continuamente di monete d’oro. Giommaria cercò il monte e costruì la Chiesa, nella quale sistemò anche il simulacro di San Costantino.

Venne istituita così la festa, scegliendo come data il 7 luglio, giorno dell’apparizione del Santo a Giommaria.

  la corsa  

 

Oggi il clou delle celebrazioni è rappresentato dalla corsa dei cavalli che, lanciandosi su un terreno impervio, sterrato e scosceso, compiono cinque giri intorno al Santuario di San Costantino, trasportando “sas pandelas”: gli stendardi benedetti che il Parroco consegna ai tre capicorsa, poco prima della gara.

 

  durante la gara...  

 

Alla corsa partecipano centinaia di cavalieri e un pubblico di oltre cinquantamila persone che, assiepate lungo il percorso della corsa, incitano incessantemente i cavalieri. Per i turisti è una splendida occasione per immergersi in una centenaria tradizione sarda, ma per gli abitanti l’Ardia è una questione molto seria. Nel 1806, "s'annu de sa briga", sedilesi e scanesi arrivarono addirittura a furibonde liti per l'organizzazione e tuttora i sedilesi, usciti vincitori da quella vicenda, vanno fierissimi della loro importante festa religiosa.

 

Foto e testo di Franco Pusceddu

 

Alcune immagini...

  • l'attesa della corsa
  • il capocorsa
  • i cavalieri
  • il Santuario di San Costantino

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Seguici su

 

Qualche suggerimento enogastronomico

Le nostre recensioni ...

Facebook Box

 
 

Scrivici