Pistoia capitale della cultura...e molto altro!
Dettagli della CattedraleOspedale del Ceppo: ceramiche invetriate

Guarda le foto! 

 

Dopo averci fatto da guida entusiasta nel nostro weekend pistoiese, l'amica Cinzia ci racconta la sua città con la passione di chi la vive, la ama e ne vuole far conoscere sopratutto gli aspetti più curiosi e meno noti.

Ne escono spunti di grande interesse; un ulteriore stimolo per andare a conoscere la Capitale Italiana della Cultura 2017.

 

Un grazie di cuore al Gruppo Fotografico Fornaci di Pistoia per averci regalato alcune loro splendide foto!

 

Pistoia è una verde cittadina toscana, a metà strada fra l'Appennino ed il mare, che nel 2017 è stata nominata Capitale Italiana della Cultura.

Preziosi gioielli architettonici dai più disparati stili costellano il suo territorio e sono pronti per essere conosciuti ed ammirati, ma vale la pena di raccontare cosa ci sia "oltre" la Pistoia mostrata da tutti.

 

La Piazza principale è uno dei pochi esempi esistenti della convivenza del potere civile (Palazzo Comunale) ecclesiastico (la Cattedrale di san Zeno) e giudiziario (Palazzo Pretorio): i tre edifici si affacciano tutti sul centro geometrico della città, la bellissima Piazza del Duomo.

 

  Piazza del Duomo (Ph. Gruppo Fotografico Fornaci)  

 

La Cattedrale contiene al suo interno delle reliquie  provenienti... dalla Spagna. Ebbene sì: San Jacopo altri non è che San Giacomo, il Santiago di Compostela. Un frammento del suo cranio fu concesso dal vescovo di Santiago alla città, che divenne improvvisamente méta dei pellegrini italiani che percorrevano la via Francigena e il cammino verso Compostela. La statua del Santo posizionata sopra la Cattedrale viene vestita con un pastrano rosso per tutta la settimana precedente la sua festa (25 luglio). Dal campanile scende invece la Befana, il 6 gennaio, grazie all'abilità dei Vigili del Fuoco che dal 1994 curano la discesa della "vecchia signora" verso i bambini che aspettano i dolciumi in piazza.

 

  La vestizione di San Jacopo (Ph. Gruppo Fotografico Fornaci)  

 

  La befana scende dal campanile (Ph. Gruppo Fotografico Fornaci)  

 

Le Chiese di Pistoia, numerosissime, hanno a volte storie non comuni.

All'interno di Santa Maria delle Grazie, ad esempio, c'è un letto del vecchio Spedale, risalente al 1336, in testimonianza della guarigione di una ragazza per intercessione della Vergine Maria.

Sul sagrato di San Bartolomeo in Pantano (chiamata così perchè sorta, appunto, su un luogo paludoso) il 24 agosto si "ungono" i bambini in fronte per preservarli dalle malattie.

Nell'ormai sconsacrata San Pier Maggiore avveniva il "Matrimonio Mistico" tra la badessa del convento di san Pietro e il nuovo vescovo che veniva insediato nella diocesi. L'ultima curiosità riguarda il grande numero di organi presenti nelle numerose chiese, opera di artigiani locali la cui fama è nota in tutto il mondo. L'imperatrice del Giappone, in visita a Pistoia negli anni '90, chiese di provare l'organo in Santa Maria delle Grazie e suonò una bellissima Ave Maria.

 

  Il letto in Santa Maria delle Grazie (Ph. Gruppo Fotografico Fornaci)  

 

I Musei sono molti e ben allestiti. La curiosità riguarda Palazzo Fabroni, sede di esposizioni permanenti e mostre di arte contemporanea, al cui interno si trova una stanza con l'immagine di una libreria impressa sul muro con il fumo, un'opera di arte moderna dell'artista Parmiggiani.

 

  L'affresco di Parmiggiani (Ph.Gruppo Fotografico Fornaci)  

 

 

Molto interessante la visita alla Pistoia Sotterranea, un camminamento sotto la città che comprende anche parte dell'antico Ospedale del Ceppo, con la Sala Anatomica e la Sala Accademica. Nell'Ospedale vecchio si trova anche il museo dei ferri chirurgici, di recente apertura.
Menzione particolare per la Fondazione Luigi Tronci, Museo della Musica e degli strumenti Musicali a Percussione e Centro di Documentazione.

 

  Pistoia Sotterranea  

 

Gli eventi culturali spaziano dal più noto Pistoia Blues alle manifestazioni Leggere la città, Dialoghi sull'uomo e Infanzia in città; il Festival del Giallo alla biblioteca San Giorgio; i numerosi reading nelle librerie cittadine; mostre e spettacoli delle varie associazioni culturali. Fra queste ultime va citato il Centro culturale Il Funaro: ubicato in una vecchia falegnameria ristrutturata dove hanno luogo importanti residenza artistiche, workshop e laboratori teatrali e non. Nella struttura è situato il cinema più piccolo del mondo, il Cinetandem, rigorosamente per due persone!

Questi ed altri luoghi particolari in città si possono facilmente scoprire grazie alle visite di Cento Guide Turismo Pistoia.

Cosa c'è nei dintorni? Serravalle Pistoiese con la sua rocca e le torri; Le Piastre col campionato italiano della bugia; la valle dell'Orsigna con il sentiero di Tiziano Terzani, che porta fino al luogo dove Terzani passò gli ultimi anni della sua vita. A San Marcello Pistoiese, sulla strada che porta all'Abetone, c'è un ponte sospeso che fino al 2009 era nel Guinness dei Primati come "Il ponte pedonale sospeso più lungo del mondo": fu inaugurato nel 1923 e veniva usato dagli operai delle ferriere che da Popiglio raggiungevano le fabbriche situate sul versante opposto, a Mammiano Basso.

Non mancano la cultura, il verde, la gastronomia, la storia e l'arte: una città a tutto tondo che merita di essere conosciuta ed apprezzata!

 

Testi di Cinzia Lorenzi

@MissLawrence73

Foto di Cinzia Lorenzi 

Gruppo Fotografico Fornaci

 

  Il ponte sospeso più lungo del Mondo (Ph. Gruppo Fotografico Fornaci)  


 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Seguici su

 

Qualche suggerimento enogastronomico

Le nostre recensioni ...

Facebook Box

 
 

Scrivici